26 gennaio - 15 febbraio 2013

La Toscana dei Cadolingi: Politica, architettura, insediamenti nella Toscana dei secoli XI e XII


Sabato 26, gennaio, ore 17

Simone M. Collavini (Università di Pisa), I conti Cadolingi e l’aristocrazia toscana dell’XI secolo: competizione e circolazione di modelli

Sabato 2 febbraio, ore 17

Italo Moretti (Università di Siena), L’architettura toscana nell’età dei Cadolingi

Sabato 9 febbraio, ore 17

Alberto Malvolti (Istituto Storico Lucchese, Sez. Valdarno), Andrea Vanni Desideri (Università di Firenze – Museo di Fucecchio), Guido Vannini (Università di Firenze), Il Valdarno inferiore nell’età dei Cadolingi. Territorio, insediamenti, viabilità: un progetto di ricerca.

Venerdì 15 febbraio, ore 17,30

San Miniato, presso Palazzo Grifoni (sede della Fondazione CARISMI)

Maria Luisa Ceccarelli Lemut e Paolo Morelli presenteranno il volume Toscana medievale. Pievi, signori, castelli, monasteri (secoli X-XIV), Pisa, Pacini editore, 2012, in cui sono raccolti gli scritti di Rosanna Pescaglini Monti, autrice di numerosi e apprezzati saggi sulla storia toscana dei secoli XI e XII con particolare riferimento alla casata dei conti Cadolingi.



I conti Cadolingi nella Toscana medievale

 Il 18 febbraio 2013 sono passati esattamente 900 anni dalla morte del conte Ugolino figlio di Uguccione (1113), ultimo esponente della dinastia dei Cadolingi ai quali si deve la fondazione del castello di Salamarzana, primo nucleo insediativo da cui si sviluppò il castello di Fucecchio.

I conti Cadolingi, originari di Pistoia, dove avevano acquisito il titolo comitale agli inizi del X secolo, furono una delle più potenti casate signorili della Toscana, al pari dei conti Guidi, degli Alberti e degli Aldobrandeschi. La diffusione dei castelli e dei monasteri da essi fondati in vaste zone della Toscana settentrionale rivela un progetto lungimirante basato sul controllo delle principali vie d’acqua e di terra.

La morte del conte Ugolino, privo di eredi maschi, determinò l’estinzione della dinastia provocando, oltre che il fallimento del progetto di dominio territoriale dei Cadolingi, aspre lotte tra le città vicine e le principali casate feudali per assicurarsi il controllo della ricca eredità.

Il breve ciclo di incontri di quest’anno intende porre in luce i principali aspetti della politica, dell’architettura e della rete degli insediamenti (castelli, pievi, villaggi) nella Toscana dell’XI secolo, con particolare riferimento alle aree interessate dalla presenza cadolingia.

A integrazione degli Incontri di storia toscana venerdì 15 febbraio, alle ore 17,30, a San Miniato, presso Palazzo Grifoni (sede della Fondazione CARISMI), Maria Luisa Ceccarelli Lemut e Paolo Morelli hanno presentato il volume Toscana medievale. Pievi, signori, castelli, monasteri (secoli X-XIV), Pisa, Pacini editore, 2012, in cui sono raccolti gli scritti di Rosanna Pescaglini Monti, autrice prematuramente scomparsa, che ha pubblicato numerosi e apprezzati saggi sulla storia toscana dei secoli XI e XII e ha dedicato particolare attenzione alla casata dei conti Cadolingi.

© 2009-2018 - Montanelli Montanelli Bassi - Codice fiscale 91003700480