Fondazione Montanelli Bassi
 
2 dicembre

La mia caccia



… Sulla caccia, bisogna infatti intendersi. Se fosse quella dei killer che nelle riserve massacrano in una mattinata, magari seduti su una sedia portatile, sette od ottocento fagiani d’allevamento; o quella dei fanatici dello sparo che sparano a tutto, anche alle rondini e ai pettirossi; anch’io sarei per la sua soppressione. Ma la caccia del vero cacciatore è tutt’altra cosa. La caccia, quella vera, sono i balzi di gioia del tuo cane, quando ti vede staccare, prima dell’alba, il fucile dalla parete, e l’immersione nel bosco, o fra le giuncaie del padule nel momento del loro risveglio con tutti quei fruscii misteriosi e chioccolii degli uccelli che si chiamano tra loro, e le serpentine trepidanti del cane sul primo fiato di selvaggina, tra i rovi del sottobosco… La caccia è questa, non la smania di ammazzare. Il vero cacciatore, se al termine di una giornata come questa, interrotta soltanto dallo spuntino al sacco, condiviso a par condicio col cane; se al termine di una cosiffatta giornata ha messo nel carniere cinque o sei capi (una beccaccia, due beccaccini, un germano, un bozzoletto, una quaglia), il vero cacciatore la considera una buona giornata; e reduce da questo bagno nella natura torna a casa con l’impressione – non si metta a ridere – di essere più uomo di quelli che non se ne sono mossi.

La Stanza di Montanelli, Corriere della Sera, 9 luglio 1997, anche in Le Stanze, BUR, 2018 (nuova ed.), p. 434.

Copyright Eredi Montanelli. Tutte le opere di Indro Montanelli sono pubblicate da Rizzoli Editore



    


    Gomulka, il cane prediletto da Montanelli




     

 
© 2009-2021 - Montanelli Montanelli Bassi - Codice fiscale 91003700480